Pubblicato il

Tessuti ignifughi: un mondo da scoprire!

Sei in cerca di tessuti ignifughi ma non sai da dove cominciare?
Da StockTex sei nel posto giusto!

 

Oggi andremo alla scoperta dei tessuti ignifughi, cioè quei materiali con alta resistenza alle fiamme. Questi sono ideali per realizzare rivestimenti e tendaggi di hotel, B&b, teatri, scuole, uffici e pubbliche amministrazioni.

Prima di elencarvi i vantaggi di questi tessuti facciamo un pò di chiarezza.

Cosa sono i tessuti ignifughi?

Con il termine ignifugo si intende la resistenza alle fiamme di un materiale. La normativa italiana ci viene incontro classificando i tessuti ignifughi in cinque categorie a seconda del grado di combustione:
classe 1 materiali combustibili non infiammabili
classe 2 materiali combustibili difficilmente infiammabili
classe 3 materiali combustibili infiammabili
classe 4 materiali combustibili facilmente infiammabili
classe 5 materiali combustibili estremamente infiammabili

In Italia il tessuto con certificazione ignifuga di classe 1 è il più richiesto per hotel, B&b, pubbliche amministrazioni, scuole, ristoranti e uffici.

Ampia scelta di colori e texture: gli ignifughi che non ti aspetti
Quando si parla di tessuti ignifughi si pensa spesso ad un’alta qualità tecnica dei materiali tralasciando l’aspetto estetico ma i tempi sono cambiati e il design di questi prodotti ha raggiunto traguardi importanti.
Esistono tessuti ignifughi in molteplici tonalità e consistenze. Velluto, ciniglia, effetto lino, cotone e molto altro.

Elegante velluto ignifugo ideale per realizzare complementi d’arredo e tendaggi per teatri, hotel e cinema.
Morbida ciniglia ignifuga, disponibile in tanti vivaci colori per realizzare unici complementi d’arredo di alta qualità senza rinunciare allo stile.
Leggero tulle semitrasparente per dare luce ad ambienti moderni.
Tessuto ignifugo oscurante tinta unita con retro spalmato per un effetto blackout totale.

 

A proposito di tessuti ignifughi e oscuranti abbiamo avuto il piacere di lavorare con MioCugino, azienda che si occupa di progettazione, prototipizzazione e service di fresatura su tutti i materiali.

La nostra passione per i tessuti si rispecchia sul servizio che offriamo, perchè la nostra più grande soddisfazione è vedere i clienti contenti. Abbiamo intervistato Daniele, uno dei cugini, con cui abbiamo avuto il piacere di collaborare.


Buongiorno Daniele, innanzitutto la ringrazio per aver scelto la nostra azienda. Come ci ha trovati?
«Vi ho trovati grazie a Google.»

Lei ha richiesto dei tessuti oscuranti e ignifughi, com’è stata la prima impressione quando ci ha contattati?
«Ottima, Gabriele, la persona di riferimento ha capito subito le nostre esigenze e ci ha rassicurato sui tempi di consegna che erano abbastanza stretti. Ci ha anche messo in comunicazione col reparto sartoria per chiarire dei dubbi che avevamo.»

MioCugino ha collaborato con un artista giapponese che ha esposto presso la Galleria Fumagalli di Milano. Quali erano le esigenze di questo Vostro cliente?
«In occasione del Fuorisalone 2018, Mokuzai ha voluto presentare il progetto Yakusugi presso la Galleria Fumagalli, all’interno del Brera Design District.
Il progetto nasce dall’idea di esaltare una porzione di Yakusugi, un albero di cedro che ha resistito più di mille anni a tuoni e tifoni: i rarissimi esemplari di questa specie provengono dall’isola di Yakushima, nella prefettura di Kagoshima in Giappone.
Gli alberi di cedro, in questa regione granitica, crescono molto lentamente ed il legno di cui sono composti risulta molto denso e con proprietà antisettiche, antimicrobiche e insetticide, che gli permettono di sopravvivere così a lungo.
La richiesta del cliente nello specifico era di oscurare completamente 60 Mq. della Galleria Fumagalli in 1 giorno di tempo, per poter proiettare delle animazioni interattive ad hoc sulla superficie del Yakusugi.
L’installazione vuole rappresentare la longevità del legno e raccontare la storia della crescita di Yakusugi nel contesto naturale: quando il visitatore si avvicina alla superficie di legno, le proiezioni della flora e la fauna e i suoni dell’isola di Yakushima lo fanno immergere in un paesaggio naturale, che si sovrappone alla matericità del cedro.
L’allestimento è stato pensato da Miocugino con l’idea di creare ambiente completamente oscurato e per poter far immergere il visitatore nell’esperienza interattiva.
Lo spazio di 60 mq dedicato all’esposizione di Yakusugi è stato allestito con tende oscuranti e moquette nera e supporti aerei per i proiettori e i rilevatori di movimento.»

Com’è stato collaborare con lui? Qual è stato l’impatto con il concept dell’opera d’arte di Hironori Sugino?
«E’ stato molto interessante collaborare con un azienda e un artista provenienti da un angolo di mondo così affascinante e lontano dal nostro.
Il progetto ci ha colpito fin da subito per la sua unicità, ma allo stesso tempo dal suo elegante minimalismo, tipico della cultura giapponese.»

So che lavorate con il legno. Che impressione vi ha fatto avere a che fare con un tronco di cedro così pregiato?
«E’ stata sicuramente un esperienza unica. L’imponenza di questa pianta millenaria si percepiva nitidamente all’interno della Galleria oscurata a puntino.
Un dettaglio che ci ha colpito era la superficie levigata alla perfezione da esperte mani giapponesi.»

E’ soddisfatto della tempistica e della qualità nella realizzazione del prodotto da Voi ordinato?
«La tempistica è stata abbondantemente rispettata nonostante la mole di lavoro e le richieste dettagliate. Il rapporto di collaborazione a distanza ci preoccupava per il difficile controllo step by step delle lavorazioni sartoriali, ma la comunicazione ha funzionato benissimo lo stesso tramite mail e disegni tecnici. Il confezionamento delle tessuto con asole e velcro ha perfettamente rispecchiato i nostri disegni tecnici e questo ci ha permesso di poter concludere l’allestimento in tempi record senza nessun imprevisto.»

Ulteriori commenti?
«Apprezziamo molto questo vostro interessamento, siete la prima azienda che ci chiede un feedback così nel dettaglio, e dimostrate grande cura nel curare i rapporti tra clienti e fornitori.
Speriamo di poter collaborare ancora insieme in futuro, e se passate da Milano, veniteci a trovare!»

« 1 di 5 »

Se vuoi consultare la sezione dedicata agli ignifughi, puoi trovare un’ampia scelta di tessuti per tutte le occasioni. Per ulteriori chiarimenti puoi contattarci.

Pubblicato il

Consigli Pratici: Come prendere le misure per confezionare le tue Tende

In questo articolo vi spiegheremo come prendere le misure per confezionare le tue tende, considerando sia l’altezza sia la larghezza delle stesse. Prima di iniziare vi consigliamo di utilizzare un metro rigido, per poter ottenere risultati più precisi.

Partiamo dall’altezza della tenda:

Consigliamo di partire dal bastone/binario e di prendere la misura fino al pavimento.
A questo punto si può decidere se si desiderano le tende fino a terra, a 2-3 cm da terra oppure se preferite che il tessuto si “appoggi” a terra, creando un effetto di maggiore morbidezza.
Non esiste una regola fissa: dipende dal vostro gusto e dallo stile di arredamento dell’ambiente.
Una volta stabilita l’altezza finale che più vi piace, vi consigliamo di considerare un’aggiunta di 25 cm per gli orli.

misure-tendaggi-tenda

Vediamo un esempio pratico per schiarirci le idee:
Altezza dal bastone al pavimento é di 260 cm
Desiderate che la tenda finita arrivi a 3 cm dal pavimento. Quindi la tenda finita avrà un’altezza di 257 cm.
A questo punto consideriamo i 25 cm per gli orli. 257 cm + 25 cm = 282 cm.
Di conseguenza andranno bene tutti quei tessuti per tende che abbiano un’altezza maggiore di 280 cm.

Via Roma 60 - Giacarta

(Tessuto per Tendaggi firmato Via Roma60. Se ti piace questo tessuto, clicca qui)

Per quanto riguarda la larghezza di una tenda:

Consideriamo la larghezza del bastone/binario che abbiamo montato. Solitamente questa misura sarà data dalla larghezza del cassonetto con un’aggiunta di 15 cm per ogni lato.
Per calcolare quanto tessuto occorrerà per confezionare le nostre tende, bisogna considerare che la larghezza minima é data dal doppio della misura del bastone/binario.

Vediamo sempre un esempio pratico:
Il nostro bastone é largo 2,00 metri.
Per avere una tenda con un effetto mosso occorreranno 4,00 metri di tessuto. Sia che si voglia fare un telo unico sia due teli, ognuno di 2,00 metri.
Nel caso di tessuto molti pesanti, come gli oscuranti ad esempio, allora può bastare anche una volta e mezza la misura del bastone (nel nostro esempio 3,00 metri quindi), ma più i tessuti sono leggeri, maggiore sarà il quantitativo di tessuto necessario per non cadere nell’errore di avere delle tende “scarne”.
Nel caso di veli e organze é meglio anche considerare due volte e mezzo la misura del bastone.

Ora non dovete far altro che sbizzarrire la vostra fantasia e scegliere la tenda che doni un tocco di arredo unico ai vostri ambienti.

E per avere maggiori ispirazioni, visitate la nostra sezione del sito dedicata ai tessuti per tendaggi

E per qualsiasi dubbio o chiarimento, vi ricordo il nostro servizio di consulenza sartoriale: non esitate a contattarci!

Ecco alcuni dei nostri tessuti più di tendenza!

  • TESSUTO PER TENDE, TENDAGGI, EFFETTO CREPE DI SETA, GRIGIO, MULTICOLOR, ONLINE, ON LINE

    Tendaggio Fantasia Effetto Seta Via Roma TNG632

     79,00/mt IVA Inclusa
    Scegli
  • tende, tendaggi, tendaggio, tessuto per tende, tessuti per tendaggi, tessuti per tendaggio, tessuti per casa, tende per casa, tende a vetro, tende in metratura, tende al metro

    Tendaggio TNG627 Fantasia Geometrica Cerchi Devorè

     24,00/mt. IVA Inclusa
    Scegli
  • Tessuto Via Roma damascato moderno

    Tendaggio Via Roma Damascato Moderno TNG622

     48,00/mt IVA Inclusa
    Scegli
  • Stoffa per tende e tendaggi Via Roma in promozione

    Tendaggio Via Roma Jewel TNG619

     48,00/mt IVA Inclusa
    Scegli